PREPARAZIONE AL PARTO MEDIANTE IPNOSI

L’ipnosi applicata al parto nasce negli anni ’50 come alternativa all’anestetico per il controllo del dolore.

Successivamente, le tecniche moderne di anestesia e alcune controindicazioni hanno poi fatto tramutato lo scopo dell’ipnosi da “eliminazione” a “gestione” del dolore.

Attualmente, l’induzione ipnotica vi permetterà di “non soffrire nulla più del necessario” e favorirà il comfort per vivere un’esperienza sempre unica, nel migliore dei modi possibili. Soprattutto, tramite il percorso ipnotico, ci si permette di entrare in una comunicazione ricca, efficace e soddisfacente con il neonato prima ancora che venga alla luce. Per la mamma, la dissociazione tra parti di sé che possono essere tese o pesanti e altre che possono essere distaccate e rilassate diverrà un’arma da utilizzare anche dopo il parto per la gestione dello stress e della stanchezza.

L’ipnosi e la terapia ipnotica non sono tecniche per “malati” e non impongono il volere di una persona sull’altra. Al contrario, favoriscono l’espressione della parte sana e creativa di noi stessi e permettono di sfruttare un alleato interno che ci portiamo appresso in ogni momento della vita e che ancora non conosciamo a fondo.

Il prof. G. Mosconi, nel suo lavoro storico come ginecologo e psicoterapeuta, ha attuato nel corso degli anni una serie di strategie e tecniche di intervento specifiche per il controllo del dolore e la stimolazione della forza dell’inconscio tramite la moderna forma di ipnosi. In questa procedura, la metafora del raddoppio dell’IO, il controllo del respiro e la massima prontezza possibile a recuperare energie, non sono solo “trucchi” utili ad affrontare le contrazioni del parto, ma sono vere e proprie stimolazioni a essere sempre al proprio meglio durante le avversità.

Nel dolore, gli aspetti psicologici sono cruciali per la determinazione della percezione e del controllo sugli stimoli che provengono dal corpo. Con il giusto allenamento, a seconda delle caratteristiche di ciascuno, si può imparare ad assumere la leva del comando sugli stimoli che provengono dai propri organi e a non lasciarsi trasportare e sopraffare da essi. Soprattutto, si impara a non identificarsi con la propria sofferenza, ma a fare sì che i problemi diventino un alleato per la crescita personale e per la scoperta di nuove forme di risposta. Tutto questo avviene in modo naturale e spontaneo e permette alla persona di acquisire nuove competenze che può riutilizzare ogni qual volta ce ne sarà bisogno. Sarà pertanto un percorso che porta la madre a essere innanzitutto persona e a scoprire o ri-scoprire le proprie capacità di affrontare e superare i problemi in generale, non soltanto durante il parto.

La terapia ipnotica può essere eseguita solo da psicoterapeuti qualificati a norma di legge. Presso Dyma collabora il Dr. Riccardo Pignatti che propone un percorso di preparazione al parto, da effettuarsi individualmente o in piccoli gruppi, in 6/8 incontri da tenersi a partire dalla 26/28ma settimana.

A questo indirizzo Youtube trovi la testimonianza di una neo mamma che ha seguito con il Dr. Pignatti le sedute di preparazione al parto: https://www.youtube.com/watch?v=niuig16WGBA

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*